0
0
0
s2smodern
Abate
Con grande dispiacere abbiamo accolto la notizia della morte dell’abate di Casamari, dom Eugenio Romagnuolo. Un uomo mite, buono, generoso, che si era posto al servizio dei monaci cistercensi di Casamari, luogo così caro alla nostra diocesi, luogo di preghiera e di incontro, di ospitalità e di formazione. Vorrei esprimere il nostro dolore per questa scomparsa e chiedere a tutti di unirsi nella preghiera, perché dom Eugenio sia accolto nella gioia del Paradiso e perché la sua testimonianza come monaco e abate possa rimanere come segno di speranza per l’abbazia e per questa terra, che ha tanto bisogno di rigenerarsi attraverso la preghiera, la bontà e l’amore reciproco. Portiamo nella nostra preghiera anche la sua comunità monastica, affinché continui a essere un luogo di fede e di umanità per noi e per i tanti pellegrini che sostano tra le mura dell’abbazia.
Che la sua memoria sia di benedizione!

04 aprile 2020                            + Ambrogio Spreafico 

---

Si legga anche la notizia relativa alla Messa in suffragio dell'Abate di Casamari p. Eugenio Romagnuolo

L'articolo pubblicato su Avvenire Laziosette il 12 aprile 2020.